Mese: febbraio 2013

Instabilità a 5 stelle

Un’idea è soltanto un’idea cantava Giorgio Gaber nel ritornello dell’omonima canzone, così dovrà aver pensato quell’ Italia che voleva cambiar pagina, far pulizia e trovare una nuova stabilità, al risveglio la mattina dopo lo spoglio, spaesata, senza un vero nocchiere e, ad eccezione di alcune prevedibili esclusioni, le solite facce di sempre. I giornali hanno…

Continua a leggere Instabilità a 5 stelle

Il voto. Un atto di fede.

Sono nato il 29 Novembre del 1988 due anni dopo l’incidente di Cernobyl e un anno prima della caduta del muro di Berlino, l’anno del governo De Mita ed il pentapartito, della Fiat Tipo, del sequestro Casella, dello scandalo delle carceri d’oro e di Achille Occhetto segretario del P.c.i, l’anno in cui Massimo Ranieri vinceva…

Continua a leggere Il voto. Un atto di fede.

“Libro di candele 267 vite in due o tre pose” di E. Baroncelli

Quando nel 2008 uscì la sua seconda fatica letteraria Libro di candele 267 vite in due o tre pose la biografia di Eugenio Baroncelli, ravennate classe  ’44, era sconosciuta ai più. Oggi, a quasi cinque anni di distanza e un premio Mondello, quella prima raccolta di biografie diventa la pietra miliare di un progetto ben più ampio di…

Continua a leggere “Libro di candele 267 vite in due o tre pose” di E. Baroncelli

Un commento a Politica e sentimenti: Pasolini, Marx e la “rivoluzione antropologica”.

Quando sbagli, invece di digitare nell’apposito spazio del computer digiti a caso, che succede? Dove vanno i dati che hai immesso? Prima o poi il sistema si inceppa. Bisogna lottare per l’inesistente, lavorare senza un fine, lasciare il tempo dietro di noi e concentrarsi sull’espressione. Il programma, la lista d’ingiustizie subite e tutto il recriminabile,…

Continua a leggere Un commento a Politica e sentimenti: Pasolini, Marx e la “rivoluzione antropologica”.