Giulio Andreotti: il maratoneta silenzioso

“Non mi illudo di essere immortale” (Giulio Andreotti) Esultare per la morte di qualcuno, specialmente se potente, è una reazione da sudditi, ma un momentaneo sospiro di sollievo, in certi casi, è dovuto. La vita è un percorso, a volte una gran fondo dove è necessario moderare le energie per sperare di poter arrivare al traguardo, a volte sono 100 metri da bruciare in un sol fiato, per alcuni si può trasformare in una 110 a ostacoli e i più sfortunati si possono trovare a dover affrontare anche una 3000 siepi. La vita è un po’ di tempo concesso. C’è … Continua a leggere Giulio Andreotti: il maratoneta silenzioso