Cliente ingrato part.2

PARTE 2 – OTELLO Otello aveva un buco a San Lorenzo e vendeva solo cose caserecce, almeno questo era quello che ripeteva sempre. Il pane? Casereccio. La cicoria? Casereccia, ma casereccio pure il vino, l’acqua e i taralli preconfezionati, casereccia pure la mozzarella, il salame e la bevanda all’aloe di cui mi sono ingozzato per…

Continua a leggere Cliente ingrato part.2

Cliente ingrato

PARTE 1 Il primo è stato Pino, Pino alla Piazzetta. All’epoca abitavo immerso nel fracasso di via dei Ramni, a San Lorenzo, e il piccolo ristorante a conduzione familiare di Pino e sua moglie si trovava a 2 minuti dal mio frigo, incastrato fra via di Porta Tiburtina e via Tiburtina antica. La piazzetta in…

Continua a leggere Cliente ingrato

Il palazzo da immaginare

Marrakech è cotta da un sole bianco di cui si perdono i contorni, dicono sia il più caldo dell’anno e non stento a crederci. La luce si schianta contro le mura rosse in terra battuta del Palazzo El Badi, strappando viottoli d’ombra dentro cui ci si immerge per respirare nei 48 °C della città vecchia.…

Continua a leggere Il palazzo da immaginare

52. Cristiano

Una storia, corta o lunga che sia, una storia a settimana fino alla fine dell’anno. Una raccolta dal titolo cupo, ma che ben descrive certe scelte che ogni giorno prendiamo e le loro conseguenze, da cui spesso è difficile venire fuori indenni. Cristiano, tradizionalista Mangerò, mi intratterrò a parlare con tutta questa gente mai vista,…

Continua a leggere 52. Cristiano